Stefano Giorietto, il tecnico ortopedico.

Stefano Giorietto, il tecnico ortopedico.

L’ortesi plantare è un dispositivo medico realizzato interamente su misura (per anatomia, problematica, peso, età, sudorazione e così via) che, in generale, deve rispondere a più necessità: da un lato correggere e/o compensare una problematica e dall’altro essere ben tollerato dal paziente risultando perciò leggera e soprattutto capace di migliorare la qualità della vita. I plantari si dividono in antalgici, correttivi e biomeccanici.

I plantari antalgici sono concepiti al solo scopo di ridurre, limitare o, nelle migliori ortesi, eliminare il dolore scatenato a seguito di una problematica in corso. Vengono realizzati con materiali solitamente morbidi al fine di ammortizzare o scaricare l’urto in un determinato punto dolente. Sono normalmente prescritti a soggetti con artrosi ad uno stadio avanzato, artrite deformante, gotta, diabete, gravi insufficienze circolatorie o comunque in tutte quelle circostanze in cui il piede lamenta una grave insofferenza in pazienti che hanno normalmente superato i 60 anni d’età. 

I plantari correttivi sono le ortesi realizzate con lo scopo di correggere una problematica nell’età evolutiva, ovvero fino a quando l’apparato muscolo-tendineo scheletrico è in grado di rispondere a delle sollecitazioni esterne. Tali dispositivi per mezzo di cunei, spessori o sostegni hanno lo scopo nei bimbi di migliorare una problematica in corso come ad esempio il piede piatto o il retropiede valgo. Il raggiungimento dell’obiettivo dipende dall’entità del problema, dalla recettività individuale, dal tono muscolare e dall’età. Tali plantari devono comunque mantenere una corretta postura del piede.

I plantari biomeccanici sono le ortesi più difficili da realizzare sia per la complessità della costruzione sia per la competenza che un tecnico ortopedico deve mettere a disposizione per aiutare a ristabilire una corretta funzionalità del passo. La realizzazione si avvale quindi di uno studio approfondito valutando storia e sintomatologia della patologia in corso (anamnesi), eventuali instabilità articolari, osservazione della marcia e utilizzando una piattaforma di pressione/forza (baropodometro). Lo scopo di riportare il passo a una situazione il quanto più possibile fisiologicamente corretta si ottiene stabilizzando l’area.

PLANTARI CLASSICI

I materiali utilizzati sono i più diversi: si va dall’uso di sughero, cuoio e resine composte termoformabili per correggere, sostenere o stabilizzare e per riequilibrare gli eccessivi picchi di forze (dovute ad esempio al cedimento delle teste metatarsali); i rivestimenti sono in polimeri uretanici a celle aperte, protettivi ed ammortizzanti, che proteggono il tessuto sottocutaneo.


PLANTARI AVVOLGENTI:
Consistono in plantari con bordi laterali, appunto, avvolgenti, modellati su calco in gesso o materiale sintetico, opportunamente stilizzato, previo rilievo del grafico e delle misure del piede compresi eventuali piani di correzione scarichi o sostegni.pla1

PLANTARI LELIEVRE (AD ELICA):
Consistono in plantari scolpiti su misura tramite lavorazione ad asporto, con sostegni opportuni.ola2

 

PLANTARI “VILADOT”:
Consistono in plantari modellati su calco di gesso o materiale sintetico, opportunamente stilizzato, previo rilievo del grafico e delle misure del piede compresi eventuali piani di correzione scarichi o sostegni secondo la prescrizione.

viladot

 PLANTARI IN MATERIALE SINTETICO:

Consistono in plantari modellati su calco di gesso o materiale sintetico, opportunamente stilizzato, previo rilievo del grafico e delle misure del piede, compresi eventuali piani di correzione scarichi o sostegni secondo la prescrizione.

sintetico

 PLANTARI VALENTI:

Consistono in plantari a supporto sottile scolpiti su misura con sostegni e correzioni, in materiale sintetico morbido secondo la prescrizione. Sono realizzati previo rilievo del grafico e delle misure del piede.valenti

PLANTARI CUOIO E SUGHERO:

 Consistono in plantari modellati su calco di gesso o materiale sintetico, opportunamente stilizzato, previo rilievo del grafico e delle misure del piede compresi eventuali piani correzione scarichi o sostegni secondo la prescrizione.

alluce

PLANTARI PER ALLUCE VALGO:

 Consistono in plantari modellati su calco di gesso o materiale sintetico, opportunamente stilizzato, previo rilievo del grafico e delle misure del piede.
Vengono utilizzati per il trattamento conservativo dell’alluce valgo.alluce

PLANTARI IN CARBONIO:

 Consistono in plantari modellati su calco di gesso o materiale sintetico, opportunamente stilizzato, previo rilievo del grafico e delle misure del piede.Sono i plantari più leggeri e allo stesso tempo resistenti sul mercato. Sono indicati per quelle persone che praticano sport, e non vogliono rinunciare ad una corretta postura.
plantaricarbonio

PLANTARI IN MATERIALE SINTETICO PER NEUROMA DI   MORTON :

 Consistono in plantari modellati su calco di gesso o materiale sintetico, opportunamente stilizzato, previo rilievo del grafico e delle misure del piede. Realizzati in materiale sintetico, vanno ad allungare il ventaglio metatarsale e di conseguenza ad alleggerire il carico e ricreare maggior spazio a livello del terzo spazio intermetatarsale mediante un apposita spinta nella parte anteriore del plantare stesso.nueroma2

PLANTARI PER SPINA CALCANEARE

Consistono in plantari modellati su calco di gesso o materiale sintetico, opportunamente stilizzato, previo rilievo del grafico e delle misure del piede. Realizzati in materiale sintetico, hanno il compito di scaricare la zona calcaneare con un alloggio creato appositamente per alleggerire la spinta dello sperone osseo.spinacalcaneare

 

PLANTARI IN LATTICE

Consistono in plantari modellati su calco di gesso o materiale sintetico, opportunamente stilizzato, previo rilievo del grafico e delle misure del piede. Realizzati in schiuma di lattice favoriscono la circolazione dando allo stesso tempo una maggiore stabilità corporea. Consistono in plantari modellati su calco di gesso o materiale sintetico, opportunamente stilizzato, previo rilievo del grafico e delle misure del piede. lattice

PLANTARI PER PIEDE DIABETICO

 Consistono in plantari modellati su calco di gesso o materiale sintetico, opportunamente stilizzato, previo rilievo del grafico e delle misure del piede. Sono costruiti in base alla morfologia podalica tenendo conto della patologia, viene usato un materiale con memoria di forma che favorisce una miglior circolazione e previene la possibile formazione di ulcere podaliche.diabete

Apri la Chat
1
Close chat
Ciao! Grazie per averci visitato. Se vuoi parlare con il nostro supporto premi START :)

START